La scrittura di Federica Galetto (2^ parte: il Racconto)

larosainpiu

rosegiallecover

Brano tratto dal racconto “IL PATTINATORE DEL SUND”, dalla raccolta di racconti “Fuori nevicano rose gialle” Narcissus 2013

Aveva il cielo della tundra negli occhi, i suoi capelli erano biondi e luminosi come l’abbagliante luce del nord, lunghi e avvolgenti come una morbida coperta. Lei, incapace di rispondere ai richiami di fuga che scaturivano da dentro, ignara di ciò che sarebbe stato e del futuro più vicino, fustigava se stessa, sgretolando a poco a poco la sua forza. Fuori, in un punto lontano oltre la neve, il mare luccicava coperto da vasti tratti di superficie ghiacciata che come un coperchio lo conteneva nel suo immoto

fluire. Il villaggio più vicino era a circa venti minuti a piedi dalla sua casa e Julia, oppressa dal tedio di quel giorno decise di uscire, avventurandosi nella neve e nel vento furibondo per andare a comperare caffè, sigarette, carne e patate per il Kumla…

View original post 854 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...