Vincenzo Errico

La Poesia di Vincenzo Errico

il giardino dei poeti

vinc

                        

Che cosa sono le poesie se non cartoline? Come le cartoline parlano di luoghi, anche se spesso immaginari, remoti o soltanto della mente. Come le cartoline eleggono un interlocutore privilegiato, destinatario dei nostri rovelli, paure e confessioni. FUORI SEQUENZA è la più tradizionalmente “cartolina”, Istanbul è percorsa nell’andamento stesso del verso, scattante, incisivo, partecipe di un mondo straordinario, ricco di segni, di vita e di storia. VIENNA invece arriva come città di passaggio, chiusa nel suo cielo e nelle sue glorie, nel freddo delle sue strade senza alberi.

Ho conosciuto Vincenzo grazie al destinatario della prima di queste cartoline, un artista che con le sue performance parla con i luoghi:
http://www.youtube.com/watch?v=1GD64QsDTRs
Conosco anche il Bar delle mutande dove proprio quella sera, dopo il concerto di cui parla la poesia, ho avuto modo di fare quattro chiacchiere con Vincenzo. Mi ritrovo anche in alcune delle storie: portò in macchina,/ dalla…

View original post 1.815 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...