Archivi categoria: art

Temporali spettri

 

§

Decodifico le ombre
I rombi lontani dei
Temporali spettri
Le luminarie disdicevoli del
Rogo arancio in valle
Pizzico di cumulo
Nembi di cielo caduti
Sui colli la speranza
Trattenuta nelle sacche di
Grandine in solfeggio
Docili istruzioni alle imposte delle finestre
Chiuse dal lago che scivola
Ripetendo il canto
I suoi denti nei miei
Pensieri cumuliformi
E il vento a gridare polveri
Per disossare il prato
Lenta(mente) la mano
Cade nel f(osso)
Che gocciola
Spine d’acqua

Canto d’amore – Love song

Lady of the Forest -LeRegarddesElfes

art@Lady of the Forest by *Le-Regard-des-Elfes

 

greca

 

***

When the rain shouts

from the leaves beyond

the red hill

burning a breath

I yield

while the hidden side of me struggles

across the muddy field

singing old songs

Let the ancient dandelion clock in

Allow the sand of a far beach

to flow in your hand

Oh let me see the gaze

of my lover walking

on the rocky path of a dead moonlight

For we are One

tonight and forever

(the swan gently glides on the water like a feather)

*

Quando la pioggia grida

dalle foglie oltre

la collina rossa

bruciando un respiro

M’inchino

mentre il lato di me nascosto lotta

attraverso il campo fangoso

cantando vecchie canzoni

Lascia entrare l’antica testa del soffione

Permetti alla sabbia d’una spiaggia lontana

di scorrere nella tua mano

Oh mostrami lo sguardo

del mio amato che cammina

sul sentiero roccioso d’un chiaro di luna spento

Perchè noi siamo Uno

stanotte e per sempre

(il cigno lieve scivola sull’acqua come piuma)

 

 

The red cup

FB_IMG_1533627833691

 

The red cup

This is the end
of a b(rightness)
It points the red cup
Ahead of my fingers
I cross my mind
Mending
The sore heart I own
This empty side
Of myself
It sounds where the reason
Can’t sleep
Orange stains of light
Play through me
Another day is coming
My eyes running fast
In the field

*
La tazza rossa

Questa è la fine
di una s(favillante)
giustezza
Indica la tazza rossa
davanti alle mie dita
Io mi attraverso la mente
rammendando
l’immensa tristezza che possiedo
Questo lato vuoto di me
che suona dove la ragione
non può dormire
Macchie aranciate di luce
mi giocano attraverso
Un altro giorno sta arrivando
I miei occhi corrono veloci
nel campo

Mami

dav

art@Cristina Costanzo, Madonna del cardellino

*

Mami sotto le lenzuola

il ticchettare dell’orologio in cucina

oltre i fari della notte un sogno

le luci che attendono un ritorno

a casa dicevi era troppo triste

poi le uova al prosciutto e la crema pasticcera

i vestiti variopinti e gli anelli giganti

alla moda come i capelli

tratti alle forcine lucide come fiori di aprile

le unghie laccate e un sorriso i rammendi

le lacrime dissepolte nel vaso di edera

arrampicata oltre le sbarre del lavoro

e musica di balera

Mami mi presti il tuo cuore? I muscoli e la pelle?

Mami comprami le stelle e i giorni

le pause il colletto di pizzo le cornici dorate

Mami vestita di bianco mi parli

anche adesso che diluvia

e papà che sorride nel tuono

Oltre, la pazienza di suonare un campanello

ad una porta che non si apre più

Guarda, il mare

Prendilo se ti piace, te lo regalo io

 

Skin – di Lynn Hardaker, una traduzione

estercox

art@Hester Cox

*

 

lynnhardackerpoem

 

Pelle

Premo

mani d’ocra sulle mura di questa caverna. mia pelle. mio rifugio.

le mie dita strisciano come insetti notturni

a cantare la corsa degli animali,

il vento della caccia, il battito dei cuori e degli zoccoli

attraverso le pianure, di pietra e polvere.

ogni notte sogno la caccia

attraverso il mio cielo d’occhi dalle nere palpebre

ogni notte

il mio corpo scivola intriso di sudore e macchiato di cenere

corro

mentre corro,

sento il battito del tamburo che ho creato –

sonoro e appreso – dalla mia stessa pelle,

sento il peso dell’arma che ho creato

dal mio stesso osso.

lascio le mura di fuoco dipinte

di questa illusione

e corro,

sotto lo sguardo freddo e dai mille occhi della notte

corro fino a sentire che il mio cuore batterà il suo ultimo battito e lacrima attraversarmi la pelle

Mi fermo

la paura asciutta come la terra nella mia bocca.

abbasso il mio palco allo stagno

e bevo le stelle.

 

Testo di Lynn Hardaker

Traduzione italiana di Federica Galetto

****

 

lynn2

Originally from Toronto, Canada, Lynn Hardaker now lives in Regensburg, Germany. She is an artist and a writer.

Originaria di Toronto, Canada, Lynn Hardaker vive e lavora a Regensburg, Germania. E’ artista e scrittrice.

lynnart

Lynn Hardaker, Profilo Facebook:

https://www.facebook.com/lynn.hardaker