Archivi categoria: Met Sambiase

Siate felici

BUON 8 MARZO

Il Golem Femmina

Lasciate i condizionali, i sensi di colpa, i bicchieri mezzi vuoti, i fossi alle strade.

Liberatevi delle insonnie, delle prepotenze, degli spazi sempre stretti .

Lasciate squillare i telefoni, arrestate i videocitofoni, gelate i forni.

Liberatevi dalle ruote da spostare, dalle incurie delle voci, dalle vite ignoranti.

Vestitevi di imperativi, di infiorescenze, di pause, di iperboli.

Scendete in piazza, tornate in viaggio, scivolate in amore.

Perdonatevi.

Si può arrivare al cielo da qualunque luogo si parta, lo hanno già scritto.

Siate felici.

Buon Otto Marzo.

View original post

Annunci

Libri d’artista al fondo. Il dono di Beatrice Palazzetti.

I cataloghi dell’arte. Un dono di Beatrice Palazzetti al fondo di Exosphere.

Exosphere PoesiArtEventi

beatrice

Nuovi arrivi al fondo librario di Exosphere. Grazie alla gentilezza dell’artista romana Beatrice Palazzetti che ha regalato tre meravigliosi cataloghi di libri d’artista al fondo di via Selo, si apre un nuovo capitolo di ricerca e conservazione dell’esperienza poetica nella sala che ospita il nostro fondo.

Nelle prossime settimane, i tre libri saranno catalogati e pronti per la visione nei mercoledì pomeriggio in cui la collezione è aperta e disponibile per gli amanti della lettura.

Mettiamo in essere una breve storia del Libro d’Artista, tratta dal sito ufficiale dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, per iniziare la conoscenza di quest’arte. Si legge che: “Iniziarono artisti come William Morris, con la fondazione della Kelmscott Press, una delle stamperie che già a fine ‘800 in Inghilterra perseguivano l’intento di andare oltre alla produzione industriale, campo del convenzionale che predilige quantità seriale sulla qualità del diverso, del libro. Più di un secolo fa…

View original post 283 altre parole

lepri e gatti – le poesie dell’inverno

Il Golem Femmina

(c) Angela Harding (c) Angela Harding

IL SELVAGGIO MIO CUORE
di Peter Russel

La rosa selvatica, la vite selvatica, l’olivo selvatico,
Selvaggio il gatto, il porcospino, selvaggio il cinghiale,
Selvaggia la menta, selvaggio il rosmarino, selvaggia la borragine,
Selvaggi i rovi, selvaggi i folti di prugnole, selvaggia la bardana che s’attanaglia,
Grovigli e strascichi di vitalba,
Selvagge cime di pioppi, alte creste selvagge di salici, –
Selvagge le lucciole, le farfalle, i cervi volanti,
Selvaggia la lepre selvaggia che s’accovaccia o scorrazza sotto
Un selvaggio cielo, – selvaggi i ghiri, selvaggio il gufo, –
Selvagge ripide pendici di una valle selvaggia, selvaggi i cervi, le volpi, e le donnole,
Selvaggia l’edera che tutto strangola,
Il torrente montano selvaggio come la faina selvaggia
Che balza da un noce all’altro…
Selvagge rondini increspano la superficie del placido stagno,
Il selvaggio vento scuote le foglie dei lecci e degli ontani,
Selvagge piogge cadono sulla battagliera selva.

View original post 167 altre parole

ISTANTANEE- Fernanda Ferraresso: “L’ingombro” di Simonetta Sambiase – Note di lettura

ISTANTANEE- Fernanda Ferraresso: “L’ingombro” di Simonetta Sambiase – Note di lettura

CARTESENSIBILI

ariel de la vega

arieldelavega_5962528_el_templo_interior_web

.

C’è folla
nel ripostiglio gli abiti si stanno spintonando
spuntano alla rinfusa e vado fraintendendo
longitudine linguaggi e sei ante d’armadio
pieno di lavanda che toglie le tarme all’esistenza
i piumoni cadono dal sonno
arrivano i piedi freddi e si scalpellano alle scarpe
spazi ristretti e scampoli fuori epoca

View original post 1.622 altre parole

Jolanda Insana. Il ricordo di chi per me era la Poesia

Simonetta Sambiase ricorda Jolanda Insana

Il Golem Femmina

Marzo 2016. Sasso Marconi e Voci della Luna senza saperlo mi fanno un inaspettato regalo di compleanno. C’è Jolanda Insana nel nuovo numero della rivista dell’associazione e ha accettato di venire in Emilia a raccontarsi. Da settimane spero che non nevichi perché non guido con la neve. Mi sto dicendo una bugia inutile, perché a Sasso ci vado in ogni modo, anche con la tormenta e i lupi che scendono in strada. E sono in sala puntuale. Arriva Jolanda Insana. Non fermerà la voce per quasi due ore. Ha fatto l’insegnante, non le pesa raccontare. Eppure non sta bene, ha dei problemi seri di salute e li racconta insieme al suo sdegno su come Roma ha perso la capacità di curare gli ammalati nelle pubbliche strutture e il calvario che impone questo malgoverno agli anziani che devono fare chilometri per giungere nel nosocomio specializzato in nefrologia. La platea sta incollata…

View original post 582 altre parole