Sul treno per dovevuoiandaretu

Image

I Dragomanni sono orgogliosi di presentare un progetto congiunto con la European School of Translation, curato dai partecipanti al “Laboratorio di autonomia” condotto da Daniele A. Gewurz.

Si tratta di Sul treno per Dovevuoiandaretu, una ricchissima antologia di testi per bambini e ragazzi che spazia dal XVI secolo ai giorni nostri. Ecco la “quarta di copertina”:

Ventitré autori, diciotto traduttori, undici paesi, sette lingue e quattro epoche.

Da un progetto collaborativo di European School of Translation e Dragomanni, nasce un’antologia di storie per bambini e ragazzi che vi farà scoprire o riscoprire ventitré autori di lingua inglese, tedesca, nederlandese, francese e spagnola, vi porterà in Irlanda, Inghilterra, Scozia, Stati Uniti, Canada, Germania, Austria, Olanda, Francia, Spagna, Perù e vi farà viaggiare fra Ottocento e Novecento, con un salto nel Siglo de Oro spagnolo e un ritorno alla contemporaneità.

Racconti, brani da romanzi, ballate, poesie, saghe e un testo teatrale destinati a un pubblico di bambini e ragazzi, ai genitori e agli educatori, trasportati in italiano e in un dialetto (il genovese) da diciotto traduttori/redattori/revisori/impaginatori/editori, che dedicano il loro lavoro all’Associazione Genitori Ematologia Oncologia Pediatrica (A.G.E.O.P. Ricerca Onlus).

Testi originali di Thomas Crofton Croker, Edward Everett Hale, Mary Eleanor Wilkins Freeman, Andrew Lang, Katharine Pyle, Lucy Maud Montgomery, Joseph Jacobs, Edith Nesbit, Saki (Hector Hugh Munro), Jacob e Wilhelm Grimm, Ignaz e Joseph Zingerle, Agnes Sapper, Georg Büchner, Franz Kafka, Christian Morgenstern, Stefan Karch, Cornelis Johannes Kieviet, E. H. Carnoy, Préal, Alphonse Daudet, Adèle Lacerte, Lazarillo de Tormes, Abraham Valdelomar, Raúl Hernández Garrido.

Traduzioni di Barbara Salardi, Stefania Diafani, Giusi Zummo, Silvia Carli, Tiziana Meschis, Elena Papaleo, Valentina Volpi, Francesca Frulla, Silvia Pellacani, Monica Raffaele Addamo, Alessandra Chiappini, Daniela Roso, Eleonora Imazio, Manuela Dal Castello, Francesca Monno, Ilaria Valdiserra, Diego Guinasso, Marta Graziani.

Illustrazioni dei frontespizi di Valentina Volpi.

Con una prefazione di Andrea Spila (European School of Translation) e un’introduzione di Daniele A. Gewurz (Dragomanni).

Un ebook della European School of Translation e dei Dragomanni.

L’ebook è gratuito. Se lo apprezzerete, vi invitiamo a fare una donazione volontaria all’Associazione Genitori Ematologia Oncologia Pediatrica(A.G.E.O.P. Ricerca Onlus).

Sul treno per Dovevuoiandaretu si può scaricare gratuitamente daUltima Books e da tutte le altre principali librerie in rete. E non dimenticate il resto del catalogo dei Dragomanni!

dal blog http://www.dragomanni.it/2013/07/10/partiamo-per-dovevuoiandaretu/

L’e-book è scaricabile gratuitamente al link:

http://www.ultimabooks.it/sul-treno-per-dovevuoiandaretu

Annunci

Mirabile

Mirabile insofferenza

Crosta di pane

Reso di pianto (im)placabile

Si, tu sei

estinta nel passato

remoto o dondolante furia

melanconia d’essere stata

Imprecisa fonte d’inquietudine vieni

a me come il mare in tempesta

Dici tra i flutti che sarai digiuna

senza luoghi di tepore da rassettare

Detesti domarti e incrinare la sera

Comprendere che ormai tutto hai avuto

e mai riavrai

Spegni solamente candele di scorta

senza incertezze da bruciare ormai

Più sei diventata meno

Gamba sola di fenicottero rosa

Sbiadite le ombre raccogli

quei teli buttati alla terra

unica traccia di vicende remote

per coprirti ancora

Le ancore del cuore abissi indeformati

alloggiano

laddove senza saresti frutto senza fiore

Federica Galetto

storm

Art@ Valeriane Leblonde

Photo@ The sloop Inn https://www.facebook.com/pages/The-Sloop-Inn/136609619702724

Tverskoy boulevard

Tverskoy boulevard

*

Non mi chiesi più

se il tuo non importunarmi solito

(raggrinzite cortecce d’ olmi lontani)  

generasse o meno un traverso d’occhio

e se

nell’allinearsi di ciglia come foglie

nere appiccicate al suolo dello sguardo

si rinverdisse per poco

un sorriso appena

una carezza delle gote d’approssimata misura

tentennante

fra c(olmi) e pendenti diritti

nel viale d’alberi assopiti in quel autunno

Stanislaw Wyspianski, (1869-1907) - 1904 Portrait of Ireny Solskiej (National Museum, Poznan, Poland)
Stanislaw Wyspianski, (1869-1907) – 1904 Portrait of Ireny Solskiej (National Museum, Poznan, Poland)

Portami via,

chè ho inteso bearmi delle mosche in letargo

Del coleottero lento

Del ghiaccio imminente

O del biascicar perdono sui baci a fiotti

Tra lingue di foglie  infuocate

Splendore di rosso affranto e poi

d’un blu arrangiato al mauve

Crepuscolo d’interludio quel viale

Sedotto dai seduttori,

ammorbati essi stessi dal loro stesso morbo

mortale.

Federica Galetto

immagine in alto: Alexey Shalaev, Along Tverskoy Boulevard at Dawn

La mia assenza dal mondo – Buon Anno

art@Daria Petrilli
art@Daria Petrilli

La mia assenza dal mondo

Testa di  gargoyle

Roteante grappolo di pinnacoli

in cui io (s)compaio

La coda del topo che svanisce dentro

un buco nel muro

Là furtivamente mi rifugio

dove muovono le mie verdi foglie

e nella cappa di un velo

mi poso

Art@ Daria Petrilli - Nest
Art@ Daria Petrilli – Nest

E’ solo un grave minimalismo

Permetto a me stessa di procrastinare

chè i miei nemici scorrono silenziosamente

sotto la siepe

una forma oscura coperta di cenere

nel centro del centro

Là sento i petali della rosa

incrinarsi e fremere dentro

nello spingere  fuori gocce d’acciaio

sul terreno

Art@Daria Petrilli
Art@Daria Petrilli

Riposa un poco mio sostenibile zero

invertendo profezie e collisioni

da un cerchio folle

Delle rane gracidano sui sassi

Ancora ascolto il mio corpo sussurrare

una triste mancanza di desiderio

§

My absence from the world

Gargoyle’s head

Spinning bunch of peaks

in which I (dis)appear

The tail of the mouse vanishing

into a hole in the wall

There I stealthily retreat

where my green leaves go

and in the cloak of a veil

I sit

It’s just a massive minimalism

I allow myself to procrastinate

As  my enemies flow silently

under the hedge

an ash covered dark shape in the centre

of the centre

There I hear the rose’s petals cracking

and trembling inside

pushing out drops of steel onto the ground

Rest for a while my sustainable zero

inverting prophecies and collisions

from a mad circle

Croak some frogs on the rocks

I still listen to my body

whispering a blue lack of desire

 

Federica Galetto

*BUON ANNO*

Art@Daria Petrilli
Art@Daria Petrilli

Se d’inverno una notte – If on a winter’s night

Risveglio d’inverno
Dal mio letto posso sentire quanto siano vuote le strade.
Né la casa arieggia, bensì diviene oscurità mentre
le finestre separano dall’ombra il proprio intorbidarsi
e incorniciano la fetta di ghiaccio di luna che si scioglie.
I natali dell’infanzia si spingono dentro,
conforto di lana e tè, le impavide corolle di fiamma in
cucina,
il giardino dipinto visibile da dentro
tutto incantato; e un fumo bianco si leva dalle pietre.
La notte, poi, manteneva il patto con la stagione, consegnata
mentre dormivamo ad austerità di cristallo,
il tocco di un maestro della pittura.
Poi, quando salto fuori, sono un ospite appena arrivato
in un posto strano, dove il sole è di peltro
e mattoni e bandiere sono intarsiati di lustrini.

§

Waking in Winter
From my bed I can feel how empty are the streets.
Nor does the house air, but turns in darkness
while the windows sort their blurs from shadow
and frame the melting ice-slice of the moon.
The Christmases of childhood press in,
comforts of wool and tea, the brave corollas of cooker flame,
the painted garden visible from the kitchen
all spellbound; and a white smoke rising from the stones.
The night, then, kept its pact with the season,
was delivered while we slept to austerities of crystal,
the brushwork of a master.
Later, when I step out, I am a guest newly arrived
in a strange place, where the sun is made of pewter
and every brick and flag is sewn with sequins.

ANNA WIGLEY
da Risveglio d’inverno
Kolibris 2010

Traduzione di Chiara De Luca

la lepre entrò nel cerchio e balzando annottò

CARTESENSIBILI

Un attimo di chiarezza dura così poco. L’oscurità resta più a lungo. Vi sono più oceani che terraferma. Più ombra che forma.- A. Zagajewski, L'attimo

floweredblog.wordpress.com/

flower-ed ~ Nella radice, per la quale ha vita il fiore

The Cabinet of Curiosity.

Literature, Science, Art and Culture in the long Nineteenth-Century.

Damocle Edizioni

Damocle Edizioni è una casa editrice indipendente specializzata nella pubblicazione di tascabili in doppia lingua e libri d'artista. È presente a Venezia con un proprio Bookshop.

Fotoamatori astigiani

Basta dire, ora si fa!

RFOTOFOLIO

Art can make a difference

Sarah Emsley

writer & editor

Studio Homo Radix

Tiziano Fratus ~ Le parole sono un frutto della terra

Poethead; a poetry blog

by Christine Murray

Federica Aceto

traduttrice

Vanessa's booknotes

Translator and author. Books are my cup of tea

Safe Souls

Poetry as a Homeland

Interno Poesia

Blog e progetto editoriale di poesia

La poesia e lo spirito

Potrà questa bellezza rovesciare il mondo?

Old Tea Tins

pictures & background stories

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: